- Turbo 3, come Rocky -

“Prende da parte un paio di amici pazzi come lui (per dire, uno è uno stuntman…) e fonda la “Legende Automobile”, nome francese, auto da “restomoddare” francesissima: La turbolenta e mai dimenticata Renault 5 Turbo, quella col motore dietro e la tendenza a uccidere chiunque non si chiami Jean Ragnotti. A me pare un’idea geniale e originale, quindi se caro Alan volessi farcela provare scrivici, non essere timido.”

Un’altra restomod? Sì, ma non fate i noiosi: è qualcosa di mai visto.

Ma quanto spacca?

27 agosto 2021 | scritto e pensato dalla mente malata di M.Carito | editato e corretto dal pensiero distorto di Gabry

Alan Derosier è un designer di automobili decisamente coraggioso. No, non di quelli che dicono di essere ”coraggiosi” perché presentano bozzetti inguardabili sventolando i disegni poi come “rivoluzionari”. No, è coraggioso perché, nonostante una carriera ben avviata in Europa, nel 2018 fa baghette & burattini e si trasferisce a Los Angeles per rincorrere il sogno: costruire la sua restomod su base 911. Ora, vi ho detto che Alan è coraggioso, non che sia “sul pezzo”: una volta sbarcato in America si guarda attorno e scopre che ci sono già molte restomod su base 911, alcune delle quali (Singer, vi dice qualcosa?) assolutamente inarrivabili per un giovane rampante come lui. Dopo un momento di iniziale sconforto, inasprito dalla presa di coscienza che quei barbari degli americani non mangiano le lumache, il nostro eroe guarda alle proprie origini e capisce: si può fare ancora qualcosa di originale nel mondo delle restomod. Prende da parte un paio di amici pazzi come lui (per dire, uno è uno stuntman…) e fonda la “Legende Automobile”: nome francese, auto da “restomoddare” francesissima: la turbolenta e mai dimenticata Renault 5 Turbo, quella col motore dietro e la tendenza a uccidere chiunque non si chiami Jean Ragnotti. A me pare un’idea geniale e originale, quindi se caro Alan volessi farcela provare scrivici, non essere timido.

La Renault 5 Turbo 2
La Renault 5 Turbo 2
Beh se hai bozzetti così...

Bisogna però essere sinceri: dopo un paio d'anni di gestazione la nuova creatura, chiamata “Turbo 3”, non è esattamente pronta. Ad esempio, del motore si sa soltanto che avrà 4 cilindri e sarà turbo da circa 400 cv. Che è un po' come dire “il motore della Megane con un po’ di fuochi d’artificio in più”, in pieno stile Alpine. Non mi sto lamentando eh, assolutamente, ma nella casa di Dieppe l’unico motore papabile per il progetto pare esser proprio questo. Detto ciò, in pieno stile “Turbo 2”, troviamo sportivissime sospensioni a triangoli sovrapposti sulle 4 ruote, che hanno diametro differenziato da 16 e da 17 pollici tra anteriore e posteriore.

Va che roba
Gruppo ruota maschio

La carrozzeria, beh, è una bomba. E non parlo solo dell’aspetto estetico, che è "ceziunale veramente", facendo una citazione cinematografica di altissimo livello. No, parlo anche e soprattutto del materiale di cui è composta: carbonio, carbonio e ancora carbonio, per non sbagliare. Gli interni riprendono in chiave moderna lo stile un po’ così, “francese” dell’illustre antenata: basti guardare la forma dei sedili e del volante. La strumentazione è digitale ma ciò su cui vorrei porre l’attenzione è la precisa, consapevole e perfettamente condivisibile scelta di dotare la Turbo 3 di un cambio manuale (6 rapporti?) e di tre bei pedali: niente doppie frizioni, niente palette, né secchielli. A rinforzare ancora di più questo ben di dio, troviamo un bel rollbar fisso, una di quelle cose che solo a vederle viene voglia di lanciare il cellulare nel Po e andare a guidare senza che nessuno possa interroperti l’orgasmino.

Come gli anni ‘80, ma senza spalline

Il peso di tutto ciò non ci è dato saperlo, ma se consideriamo che l’originale pesava 900 kg ed era fatta di volgare metallo, potremmo avere un risultato non troppo dissimile. O magari meno, però sotto il piede destro due volte e mezzo la potenza dell’originale. Fate voi.

Insomma, un bel pezzo di originalità. Sicuramente quando verrà presentata la versione definitiva con il motore e tutto il resto costerà come una tenuta in Provenza, ma per ora sognare non costa nulla, quindi: libidine, doppia libidine!

Oh, oggi solo citazioni altissime!

Ti è piaciuto l'articolo?

Supportaci cliccando sul pulsante qua sotto!

Ruggine Magazine è gratis e lo sarà per sempre. Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutarci a migliorare, puoi farlo cliccando sul pulsante.