- Il Toro senza limiti, in edizione super limitata.

Lamborghini essenza scv12 -

“Se siete estimatori dei motori aspirati (come Marco dello staff RM) aprite bene le orecchie, perchè il V12 che equipaggia l’Essenza SCV12 è semplicemente il più potente mai uscito dagli stabilimenti della casa del Toro”.

La Squadra Corse Lamborghini ha portato di nuovo il V12 in pista nella sua ultima evoluzione. E non è la sola innovazione introdotta in questa Essenza SCV12. Il team di ingegneri ha attinto a piene mani nel programma sperimentale per realizzare la più estrema, potente Lamborghini mai realizzata. Si usa solo in pista ma non è sviluppata per correre.

17 giugno 2021 | scritto e pensato dalla mente malata di Gabry | editato e corretto dal pensiero distorto di M.Carito

Nella storia dell’imprenditoria automobilistica, Ferruccio Lamborghini è forse l’uomo più pragmatico, concreto e di successo che ci sia mai stato. A differenza di Enzo Ferrari, che cominciò a costruire le sue auto per correre e vincere, Ferruccio non fece mai partecipare le sue automobili alle competizioni sportive. Senza molti giri di parole, il “Ferro” sapeva di non avere fondi e struttura a sufficienza per essere competitivo e lottare per la vittoria. Il motto più o meno doveva essere “O si va per fare il botto o non si va proprio” ma con accento emiliano e alitazza al lambrusco. Ma si sà, gli anni passano e le cose cambiano. Non tutte però...

Proprio in questi giorni, infatti, Lamborghini ha iniziato le consegne della nuovissima Essenza SCV12. Una Hypercar destinata al solo utilizzo su circuito ma non destinata alle corse, che segna il ritorno in pista del V12 della casa di Sant’Agata e prosegue il filone delle vetture “FOR TRACK ONLY” dopo la Murcielago R-GT del 2003.

La sorellona, la Murcielago R-GT
La nuova Essenza SCV12 prototipo in pista in livrea camuffata. Notare la scritta sul fianco "ATTENZIONE MACCHINA VELOCE".

"Voglio una vita esagerata. Voglio una vita come Steve McQueen" cantava Vasco Rossi e, a giudicare dal risultato, sembra che in ufficio progettazione suonasse proprio questo brano mentre gli ingegneri "ingegneravano" questa Essenza (si dice così, no?). In Lamborghini, infatti, hanno progettato l’auto senza le limitazioni previste nei vari campionati internazionali, dando libero sfogo al concetto estremo di “auto da corsa”. Per questo motivo la Essenza SCV12 non è destinata alle corse, non troverebbe accoglimento per le omologazioni di nessun campionato nazionale ed internazionale. E' un’auto senza limiti per clienti esigenti che vogliono assaporare l’evoluzione massima del concetto di “sportività” Made in Sant’Agata Bolognese.

Ve lo dico subito così ci togliamo il dente: costa 2 milioni e mezzo di euro e ne verranno prodotti soltanto 40 esemplari. Fermi tutti però, è inutile che correte in concessionaria. Tutte le unità sono state vendute e le consegne sono iniziate nel mese di aprile. Bene, ora torniamo a lei...

Se siete estimatori dei motori aspirati (come Marco dello staff RM) aprite bene le orecchie, perchè il V12 che equipaggia l’Essenza SCV12 è semplicemente il più potente mai uscito dagli stabilimenti della casa del Toro. Sono 830 i cavalli espressi da questo 6.5 litri a sovralimentazione dinamica alle alte velocità. Ben 58cv in più dell’attuale top di gamma Lamborghini, la Aventador SVJ e 10 più della Sian. La coppia massima della Essenza è di circa 830Nm a 7000 giri.

Il motorone della Lamborghini Essenza SCV12 in tutto il suo splendore
Desgin studio del Centro Stile Lamborghini
Lo sketch finale della vettura

Uno dei primati di questa vettura è l’omologazione FIA prototipi senza roll-cage (o roll-bar) interno in acciaio. Un po’ come la Lancia 037 di Walter Röhrl vincitrice del mondiale 1983 (questa è per pochissimi…).

In realtà non è completamente priva di roll-cage. Diciamo che è la prima con roll-cage inglobato nella monoscocca in carbonio che, per le proprietà stesse del materiale, ha permesso agli ingegneri di dargli forme non convenzionali e nasconderlo nella cellula dell’auto. Di fatto, è praticamente invisibile rispetto al classico roll-bar tubolare. L’utilizzo del carbonio ha inoltre migliorato il peso complessivo dell’auto e l’assenza del roll-bar ha garantito più spazio in abitacolo a tutto vantaggio del "comfort" di guida. La bilancia si ferma a 1400 kg per un rapporto peso potenza pari a 1.66 kg/cv.

La struttura monoscocca in carbonio della callula abitacolo

La trazione della SCV12 è soltanto posteriore (a differenza del resto della gamma Lamborghini), questo per ridurre ulteriormente peso e complicazioni progettuali. Meno componenti, meno noie insomma.

Il pacchetto aerodinamico di questa SCV12 è estremo, essenso priva di vincoli per l’omologazione stradale, con appendici ed ali di dimensioni “Rocco Siffrediche”. Sulla sommità del cofano anteriore si trovano due prese d’aria che dividono ed allontanano l’aria calda dal radiatore e convogliano l’aria più fresca alla presa sul tetto. Tipo Mosè con le acque del Mar Rosso. Posteriormente, invece, troviamo una enorme ala regolabile a doppio profilo montata in stile Kamm.

Il risultato è da contorsionismo cerebrale: la downforce è di 1200 kg a 250 km/h circa, superiore al modello GT3 attuale, mentre il coefficiente di penetrazione aerodinamica è addirittura più basso della vettura GT3. Vi lascio qualche secondo per ragionare sui due concetti… Fatto? Bene, proseguiamo.

Il frontale della Essenza SCV12
Il frontale della Essenza SCV12
In dettaglio, le due prese d'aria sulla sommità del cofano separano aria dalda da aria fresca in modo dinamico.
L'ala posteriore KAMM regolabile a doppio profilo

Il cambio è un inedito X-track a 6 marce da competizione posizionato trasversalmente sul retrotreno. Dovendo trasferire la potenza alle sole ruote posteriori, questa soluzione garantisce all’auto più compattezza, continuità strutturale e maggiore rigidità torsionale. Le sospensioni sono di tipo Push Rod e posteriormente sono montate direttamente sul cambio sempre in ottica di riduzione del peso. I cerchi, a doppia misura, sono in magnesio da 19 e 20 pollici e ospitano pneumatici slick Pirelli 285 all'anteriore e 354 al posteriore. Ma visto che la potenza è nulla senza il controllo, a frenare questa vettura ci pensa San Brembo che, con la Motorsport Division, ha sviluppato una soluzione esclusiva appositamente per lei.

Il cambio sormontato dalla testa delle sospensioni push rod ad eliche rosse.
I cerchi in magnesio gommati slick Pirelli

Internamente una grande struttura ad Y, elemento caratteristico del design Lamborghini, ospita la plancia strumenti, le bocchette dell’aria esagonali ed il volante. Il volante (o “racing wheel” come la chiamano in Lambo) è a sgancio rapido e di chiara ispirazione F1: schiacciato in alto e in basso, costellato di manettini e pulsanti colorati, con un grande display multifunzione centrale. Completano gli interni una piccola consolle posta in corrispondenza del tunnel centrale con qualche comando e molti indicatori a spia luminosa. La fibra di carbonio è a vista, nuda, praticamente ovunque e si fonde col velluto che riveste gli interni. I sedili sono in carbonio ultra avvolgenti firmati OMP con cinture a 4 attacchi.

Il cockpit della Essenza SCV12
Gli interni della Essenza SCV12 dalla visuale passeggero

Come dichiarato da Giorgio Sanna, Lamborghini Head of Motorsport “L’Essenza SCV12 è nata come una vettura “laboratorio di idee” che ci ha permesso di utilizzare soluzioni tecniche solitamente proprie dei prototipi da competizione…”.

I primi eventi in pista partiranno in queste settimane e, così com’è stato per Ferrari FXX-K ed Aston Martin Vulcan, anche per questa Essenza SCV12, Lamborghini ha pensato ad un calendario di eventi internazionale dedicato per divertire i fortunati proprietari di questa “speciale” ed insegnar loro come portare la vettura al limite.

Se tutto questo non vi basta, Lamborghini offre ai 40 clienti anche un pacchetto di servizi dedicati che includono: il ricovero dell’auto presso lo stabilimento di Sant’Agata in un hangar dedicato con webcam esclusiva per il controllo dell’auto da remoto ed un programma di allenamento e di preparazione atletica del Lamborghini Squadra Corse Drivers Lab con i piloti ufficiali Lamborghini.


E se anche questo non vi basta, MI VOGLIO ROVINARE! Solo per le prime 10 telefonate avrete in regalo una fantastica MONTAMBAIC con cambio Shimano 18 rapporti! Certo che siete proprio incontentabili...

Ti è piaciuto l'articolo?

Supportaci cliccando sul pulsante qua sotto!

Ruggine Magazine è gratis e lo sarà per sempre. Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutarci a migliorare, puoi farlo cliccando sul pulsante.